A un passo dal baratro: le verità di Morgan a Porta a Porta

Si intitola così la puntata di Porta a Porta andata in onda ieri sera in seconda serata su Rai Uno, interamente dedicata a Marco Castoldi, in arte Morgan. Bruno Vespa dedica la puntata al cantante e musicista, ex dei Blu Vertigo, nonché conduttore del talent show X Factor, dopo il caso che si è scatenato sulle dichiarazioni dello stesso sull’uso della droga come anti-depressivo rilasciate a Max.

[ad]

Davanti alle telecamere di Bruno Vespa, Morgan è apparso sincero e contrito, gettando, addirittura, l’Onorevole Livia Turco in lacrime. Parla della facilità con la quale si entra a contatto con le droghe, dei pericoli delle sostanze stupefacenti che sono dietro l’angolo per tanti giovani. La voce dell’onorevole a tratti è incerta, rotta da un pianto trattenuto a fatica, mentre Morgan risponde alle sue parole di incoraggiamento a voce sommessa. «Sii forte, continua questo tuo percorso, ogni volta che puoi dì di no alla droga, cura la vita», l’Onorevole cita Don Ciotti, definendolo un suo eroe.

A pochi giorni dalla gara sonora più attesa dell’anno, Morgan si è lasciato andare a rivelazioni troppo scottanti per la stampa, compromettendo, così, la sua presenza a Sanremo. Forse non aveva ben inteso, o forse non se ne è reso conto, che quelle parole rilasciate durante l’intervista al mensile Max avrebbero alzato il polverone di questi giorni, diventando, così, il suo inno alla cocaina un’affare di Stato. Dopo la sua riammissione alla kermesse sanremese, tutta Italia pensava che la storia di Morgan sarebbe finita qui e, invece, prosegue su contorni ancora non ben definiti. Don Mazzi, ospite della serata, istiga Morgan a non partecipare a Sanremo: «Anche se la Rai ti dicessi di andare, tu non ci devi andare a Sanremo». E su queste parole, Morgan sembra mostrare tutta la sua approvazione aggiungendo, durante un confronto telefonico con Mauro Mazzi, direttore artistico del Festival: «Non sono qui ad elemosinare Sanremo. Non sono un mostro che fa apologia della droga e anche se ci tenevo tanto ad andare a Sanremo adesso non ci voglio più andare».

[ad]

E riguardo all’intervista rilasciata a Max, Morgan dice: «Ho parlato, però, del mio problema personale, senza volere che questa cosa riguardasse una modalità da estendere all’universo. Io ho parlato della mia miseria, ho parlato di una situazione misera che mi ha accompagnato e spesso mi riaccompagna per la quale sono seguito da medici per uscirne; per cui, mi rendo conto, che il mio ricovero è costante. Io quotidianamente sto lontano dalla sostanza e se non riesco da solo mi faccio aiutare, so chiedere aiuto». L’Onorevole Livia Turco è per una riammissione di Morgan al Festival di Sanremo ma non di certo tutti gli ospiti della puntata di ieri sera.

Durante la serata viene mandato in onda un servizio sull’impatto dell’immagine di Morgan sui più giovani, passando, poi, lo scettro delle polemiche a Claudia Mori, che si lancia in difesa del cantante/collega. Claudia non capisce il motivo di tanto scandalo nelle parole di Morgan e perché l’artista deve essere emarginato dalla gara solo perché ha detto quel che ha detto sulla sua vita. Lo definisce «un ragazzo buono, preparato, intelligente: poche persone sono così, non si può trattare un essere umano, un artista, in questo modo. Non piace sbattere un mostro in prima pagina, è una società drogata questa».

E nel corso della trasmissione, Claudia Mori, sposta i toni sul tema della ipocrisia: «Se le cose stanno così va tutto bene solo se uno che si droga sta zitto, ma se gli scappa una parola scoppia uno scandalo. Morgan avrebbe potuto essere sotto effetto di droghe anche durante X Factor, io, però, non ho visto niente».

Morgan, solitamente disponibile ad essere intervistato, in questi giorni resta inaccessibile, ma, in ogni caso, un quesito resta ancora aperto e cioè Morgan deve andare o non deve andare al Festival di Sanremo? Forse in gara non ci sarà ma potrebbe comunque cantare senza avere la possibilità di vincere. Morgan, dunque, forse non canterà a Sanremo, ma di certo, la Rai ha puntato, ieri sera, a sbarcare l’Auditel.

7 Commenti su A un passo dal baratro: le verità di Morgan a Porta a Porta

  1. Non sono una vera fan di Morgan, ma questa vicenda mi ha fatto avvicinare di più a lui ed apprezzarlo meglio come artista e come uomo.
    Perchè attaccarlo così fortemente? Ha commesso un errore nell’intervista e di certo ne commette nella sua vita autodistruggendosi ma è un Uomo e come tale ha le sue debolezze.
    Apprezzo la sua sincerità nell’affermare che ha un problema e che ha bisogno di aiuto. Non leviamogli la musica, non leviamogli l’unico “vizio” sano che lo aiuta a combattere la depressione. E’ un uomo di straordinaria sincerità e questo non è di certo un errore. Il suo sbaglio comunque ci ha portato tutti a rifletter su questo grande flagello che è la droga, flagello che molto spesso viene dimenticato e questo lo dobbiamo , anche se in maniera poco ortodossa, a un suo errore. Forse a Morgan più che una condanna servirebbe l’aiuto e il calore di tutte le persone che lo circondano. Secondo me dovrebbe andare sul palco di Sanremo (anche fuori gara) per cantare quella canzone di cui va orgoglioso e per ammattere davanti a tutti il suo errore e il suo reale pensiero. FORZA MARCO CASTOLDI

    Rosanna

  2. Ma secondo me è stato un grido d’aiuto da parte sua partito dall’interviate fino ad arrivare da Vespa.Però non credo che sia stato drogato durante l’intervista o nel corso delle dirette di Xfactor, perchè uno può avere un problema serio ms non credo che sia così stupido, affatto. Spero che venga aiutato e si faccia aiutare, secondo me dobrebbe allontanarsi dalle scene per un pò e andare in qualche clinica magari per staccare un pò dal suo solito mondo frenetico e da eventuali media.

  3. Credo che viaviamo in un paese che si chiama Ipocrisia.
    Ci sono fior fior di politici e professionisti che vanno avanti a suon di cocaina, potrei stilare personalmente una lista infinita, però su di loro cala il silenzio.
    Morgan è un personaggio scomodo, è vero, perchè avanza sempre un conflitto, è polemico e critico, cosa che in televiosione e nella vita di tutti i giorni non si fa perchè “non sta bene”, occorre uniformarsi.
    Io sto con Morgan, sono affari suoi se si fa di crack. Invece di avere paura degli effetti che una dichiarazione simile avrebbe sui giovani, perchè non pensiamo a crescere i giovani con un senso critico nei confronti delle cose?
    Li trattiamo come se fossero degli imbecilli.
    Il problema droga non si risolve perchè ci sono dietro troppi interessi. Si vendono alcool e sigarette col marchio dello Stato Italiano. Molte persone muoiono d’alcool e di danni provocati dal fumo.
    Lo spartiacque tra i buoni e i cattivi, tra ciò che è giusto e cosa non lo è è soltanto uno strumento di catalogazione che non porta alla consapevolezza del problema.
    Che è culturale, sociale.
    Perchè i ragazzi dovrebbero drogarsi, se si offre loro una sostanziale alternativa valida all’esitenza di vita?
    Tutti noi dovremmo chiederci questo.

    Inoltre: non bastava la Chiesa a fare la morale?
    … adesso ci si mette pure l’Ente Organizzatore del festival di sar Remo!
    Ma vergognamoci! Ancora viviamo ai tempi del Medioevo!

  4. Adesso scoppia il problema Morgan per la DROGA. Ma pare scontato che un PERSONAGGIO così (come tantissimi cosiddetti “artisti” baciati dal “successo”)sia PUNTO DI RIFERIMENTO per “i nostri ragazzi”. Cioè : purché non si droghi, il MITO può e deve continuare a proporsi come un modello all’ammirazione dei giovani. Cosa si può sperare da continui messaggi che attraverso i canali mediatici anche UFFICIALI propongono continuamente solo questi MODELLI, specchio di una cultura (si fa per dire) MEDIOCRE, AUTOREFERENTE e ESIBIZIONISTA ? Sono qui i famosi “Valori” di cui poi tanto si parla in teoria? (!!!!!!!!!!)…Di fronte a uno spettacolo così viene quasi da dire che la droga è il MINORE DEI MALI. E comunque non è altro che lo SBOCCO FATALE di una mentalità simile.

  5. Spero che l’Amministrazione se non ACCETTA il mio commento sarà così democratica da inviarmi un messaggio per spiegarmi le ragioni del suo RIFIUTO: Grazie !

  6. salve a tutti,io nn capisco il perchè di tutto questo sgomento.penso che sono persone di carne e di ossa come tutti noi,perchè ci meravigliamo così tanto!soltanto perchè stanno in tv?mà queste persone hanno il diritto di vivere la loro vita come pare e piace!lasciamoli in pace,già sono perseguitati dai paparazzi,è una vergogna!!!!cmq Morgan sei sempre 1 grande!!!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.