Elisa – album e cuore di mamma

elisa3Dopo cinque anni dall’ultimo lavoro discografico, Pearl Days, Elisa ritorna con un nuovo lavoro in campo. In realtà, non stiamo parlando di un album qualsiasi, non stiamo parlando solo di un nuovo lavoro musicale, ma del cuore di mamma della nuova Elisa. Da pochi giorni diventata mamma, Elisa, tutta presa dalla piccola Emma, decide di pubblicare questo album, un agglomerato di testi e di emozioni, che riaffiorano alla mente della cantante di Monfalcone durante la gravidanza.

[ad]

Si intitola Heart il nuovo album di Elisa, pubblicato ancora una volta dalla Sugar. Ricco di pensieri e parole, nonché di emozioni incredibilmente forti, l’album si compone di 41 brani fra cui due duetti, due canzoni in italiano e una cover. A dare il titolo all’album sono proprio le canzoni scelte: «Avevo un sacco di roba sparsa: quaderni, nastri, appunti vari. Ed era tutto sparpagliato. Quando ho raccolto tutto e riordinato, è venuta fuori una prima selezione che mi piaceva, di circa 60 canzoni. Alla fine ho scelto fra quelle più vecchie, con una grande carica emotiva, anche nel testo. Seguendo proprio questo filo conduttore dell’emozione pura. Heart – cuore, potrà forse suonare da Bacio Perugina, ma per il modo in cui stavo ragionando su tutto – sulla mia vita professionale e personale, che per me vanno di pari passo – non potevo chiamarlo in altro modo e ho deciso comunque di rischiare di apparire banale. Certo in questi 5 anni c’è stata la voglia di realizzare qualcosa prima, ma anche un po’ di paura: paura di ripetermi. Pur avendo tanto materiale, non sapevo bene che direzione prendere. Quello che sapevo è che cercavo delle cose più “fresche” alle mie stesse orecchie. Aspettavo del materiale buono, che sentissi nella pancia. Nel frattempo, però ho fatto tante altre cose  che mi hanno dato grandi soddisfazioni», racconta Elisa.

[ad]

Elisa ha scelto la sua Monfalcone per presentare il nuovo lavoro artistico, precisamente il Castello di Duino. E’ arrivata con la famiglia, truccatore, la bimba Emma Cecile e il compagno, coproduttore del disco, Andrea Rigonat.elisa-heart

Ecco cosa racconta ancora Elisa ai microfoni: «Sono entrata in studio il 3 Gennaio e i lavori sono continuati per tutto Luglio fino a dieci giorni prima la nascita di Emma Cecile (22 Ottobre). E’ stata un’operazione di recupero e perfezionamento di vecchie canzoni, di demo che conservate in un cassetto ma anche lo sviluppo di idee che avevo in mente da tempo. E’ pur vero che il nuovo album doveva essere interamente in italiano, ma avrebbe richiesto del tempo e una razionalità che francamente non avevo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.